Chiamate lo:   +39 0382820625

Novità

Servizi per le coppie di fatto a Pavia e provincia

Lo studio legale mette a disposizione esperienza e competenza per diverse tipologie di consulenza, sia per privati che aziende. siamo a disposizione del cliente per ascoltare ogni tipologia di problema e proporre la soluzione migliore per il caso di specie. 

Contratti di locazione

I contratti di locazione, così come quelli d'affitto, pur richiamando vari schemi contrattuali, sia essi predefiniti o prescelti dalle parti, necessitano, per la validità, di alcuni requisiti di contenuto, ovvero: la data di stipula; l'indicazione dettagliata delle generalità delle parti; l'identificazione del bene; il prezzo del canone di locazione e, infine, la durata della locazione.
Infine entro 30 giorni dalla stipula tutti i contratti di locazione e affitto di beni immobili (compresi quelli relativi a fondi rustici e quelli stipulati dai soggetti passivi Iva) devono essere obbligatoriamente registrati dall’affittuario (conduttore) o dal proprietario (locatore) qualunque sia l’ammontare del canone pattuito. L’unico caso in cui non c’è l’obbligo di registrazione è relativo ai contratti che non superano i 30 giorni complessivi nell’anno.
Lo Studio Legale Busi e Battaglia, oltre a seguire il cliente nella redazione di contratti di affitto e/o locazione, offre assistenza anche nella registrazione dello stesso presso l'Agenzia delle Entrate competente territorialmente, garantendo il massimo dell'affidabilità e sollevandovi da ogni responsabilità nonchè noiosi adempimenti.
Per maggiori informazioni contatta lo studio... saremmo lieti di occuparci di te!

Assistenza ai consumatori

Può capitare di avere di avere problemi con alcune compagnie che forniscono servizi al consumatore ad esempio addebiti inattesi sulle bollette, contratti di prestazione non chiari, interruzione del servizio, problemi con la linea telefonica o altro.
Tuttavia non risulta sempre agevole contattare questi colossi o risolvere in autonomia questo tipo di disservizio.
Lo Studio Legale Busi e Battaglia fornisce assistenza e consulenza anche per questo tipo di controversie, garantendo il massimo della professionalità.
Per aperne di pù... contattaci!!

Coppie di fatto

Dopo diversi scontri dentro e fuori dal Parlamento oggi il DDL Cirinnà sulle unioni civili è LEGGE!!!
Il primo caposaldo della norma riguarda la possibilità per le coppie dello stesso sesso, "formazioni sociali specifiche", di godere degli stessi diritti e doveri che contraddistinguono l'istituto del matrimonio, salvo le adozioni.
In primo luogo potranno unirsi legalmente di fronte all'ufficiale di stato civile e alla presenza di due testimoni" e l'atto verrà registrato "nell'archivio dello stato civile", ma sono previsti anche obblighi di assistenza morale e materia e diritti riconosciuti anche in caso di morte di uno dei coniugi
La seconda importante novità riguarda i legami fra le "copie di fatto" ,ovvero i contratti di convivenza, che permetteranno la regolamentazione dei rapporti patrimoniali anche fra coppie non sposate. Il contratto potrà essere stipulato davanti ad avvocato con scrittura privata così come per lo scioglimento; ove sussista un accordo fra le parti non sarà più necessario adire alle autorità giudiziarie con un importante risparmio di denaro e tempo. E' inoltre prevista anche la possibilità di stipulare accordi che statuiscano per il futuro, in casi di separazione.
Gli avv.ti Claudio Busi e Umberto Battaglia, competenti ed esperti nel settore, possono aiutarti.... contattaci per saperne di più!!

Negoziazione assistita

Oggi separarsi è davvero più facile e veloce grazie all'istituto della negoziazione assistita.
La l. 162/14 ha istituito “la convenzione di negoziazione assistita da uno o più avvocati per le soluzioni consensuali di separazione personale, di cessazione degli effetti civili o di scioglimento del matrimonio, di modifica delle condizioni di separazione o divorzio” (art. 6) nonché “la separazione consensuale, richiesta congiunta di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio e modifica delle condizioni di separazione o di divorzio innanzi all’ufficiale dello stato civile” (art.12)
I principali benefici dei nuovi istituti sono senz’altro rinvenibili nella tangibile diminuzione dei tempi e dei costi rispetto alle procedure ordinarie e sono applicabili non solo alle separazioni personali ed ai divorzi ma anche alle modifiche delle condizioni stabilite nelle separazioni o divorzi già definiti.
La procedura è applicabile sia in assenza che in presenza di figli minori o maggiorenni non autosufficienti, incapaci, portatori di handicap grave.
Sarà sufficiente recarsi in studio con la documentazione necessaria e lasciarsi guidare dagli avvocati dello studio.
Saranno loro infatti che, previo invito alla controparte, tenteranno di addivenire ad un accordo, stipulando quindi una scrittura privata contenenti le condizioni pattuiti.
Che aspetti?? rivolgiti a noi!!!
Responsabilità delle società - D.Lgs. 231/2001

L'avvento delle D.lgs. 231/2001 che disciplina la responsabilità del società in ordine alla gestione dell’impresa, con particolare riguardo alle ripercussioni
della normativa in oggetto sulla organizzazione interna della medesima.
In primo luogo è necessario evidenziare come il d.lgs. n. 231 del 2001 abbia introdotto la responsabilità amministrativa degli enti per gli illeciti amministrativi dipendenti da reato”, intendendo per “enti” tutti i soggetti giuridici diversi dalla persona fisica di cui agli artt. 11 ss. c.c. (scilicet: fondazioni; associazioni; comitati) siano essi dotati o meno di personalità giuridica, nonché tutte le imprese in forma societaria, con l’espressa esclusione dello Stato, degli enti pubblici territoriali (id est Regioni, Province e Comuni), degli altri enti pubblici non economici (INPS, INPDAP, ASL et similia) e degli enti che svolgono funzioni di rilievo costituzionale (quali i partiti politici, le organizzazioni sindacali et coetera).
Orbene, già da quanto succintamente esposto emerge la chiara valenza
riformatrice della normativa in questione, in quanto configura in capo alle società una forma autonoma di responsabilità per i reati commessi “nel suo interesse o a suo vantaggio” che si sostanza nella previsione di sanzioni penali per i beneficiari delle condotte illecite perpetrate sia da soggetti che rivestono una posizione apicale, sia da soggetti alle dipendenze di quest'ultimi.
La responsabilità d’impresa dipende dall’accertamento giudiziale della commissione, da parte di uno dei componenti dell’azienda, di uno dei reati - presupposto previsti dagli artt. 24 ss. d.lgs. 231/20014, con la previsione sia di significative sanzioni di tipo economico - patrimoniale commisurate alla gravità del fatto commesso ed alle condizioni finanziarie delle imprese, secondo il sistema bifasico o delle quote (fino ad un massimo di Euro 1.549.0005), sia di sanzioni interdittive e stigmatizzanti (sino alla cessazione coatta dell’attività).
La responsabilità imprenditoriale consiste in una responsabilità per colpa, discendente dalla mancanza o inidoneità di un modello organizzativo interno (c.d. compliance program sulla scorta dell’esperienza anglo - americana in materia).
Infatti, l’art. 6 comma 1 recita testualmente che “l’ente non è
responsabile se prova che ha adottato modelli di organizzazione e di gestione idonei a prevenire i reati della specie di quello verificatosi”,  mentre il comma 2 individua, expressis verbis, le esigenze cui il modello di organizzazione aziendale deve rispondere, ovvero: individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi reati; prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l’attuazione delle decisioni dell’ente in relazione ai reati da prevenire; individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati; prevedere obblighi di informazione nei confronti dell’organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l’osservanza dei modelli; introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello.
Conseguentemente, la normativa di cui al d.lgs. 231/2001 impone alle imprese l’adozione e l’efficace attuazione di modelli organizzativi consoni alla prevenzione dei reati della specie che possono fondare la responsabilità dell’ente.
Da ultimo, appare utile sottolineare come l’adozione di un modello di organizzazione efficace e performante, con una nitida distribuzione dei poteri e delle responsabilità in azienda e con la previsione di adeguati controlli interni, sia da considerare per l’impresa un’importante risorsa in grado di minimizzare i rischi ed i costi economici, sociali e di immagine legati alla commissione di un reato, nonché come possa divenire un valido strumento di governabilità interna e risorsa idonea ad accrescere il rating di legalità dell'azienda. 
Esperienza consolidata dello studio nel settore permette di ottenere una consulenza e assistenza nel settore e in particolare nella:
- redazione modello organizzativo 231 (c.d. compliance);
- partecipazione all'O.d.V. quale membro indipendente;
- corsi di formazione ed aggiornamento.


Per consulenza ed assistenza da parte dei nostri avvocati chiamate lo +39 0382 820625
Share by: